Cultura | Sport

Lo spettacolo del calcio. 18 – Roulette Russa

1 Luglio 2018

Per la Spagna, quella del Luzhniki doveva essere poco più di una sgambata e invece si è trasformata in un incubo. Le Furie Rosse sono solo l’ultima vittima eccellente di questo Mondiale di calcio e si uniscono a: Germania, Argentina e Portogallo.
Russia che manda in estasi un intero paese e ai quarti affronterà la vincente di Croazia-Danimarca.

Primo Tempo

Primo tempo non entusiasmante, tutta la Russia in difesa, col solo Golovin pronto a ripartire in contropiede. Spagna imbottigliata in un gioco avulso, finalizzato a mantenimento del possesso palla fine a se stesso.
A dare una scossa alla noia di questa partita ci pensa Ignashevich, che segna un autogol di tacco, nel tentativo di placcare Segio Ramos.
La seconda sveglia arriva al 40′. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Dzyuba colpisce di testa, trovando la mano alzata di Piqué. Anche se il difensore è girato di spalle, è rigore. Dzyuba trasforma, il Luzhniki esplode.

Secondo Tempo

Secondo tempo identico al primo, ma questa volta non succede assolutamente nulla. Si va ai supplementari.

Tempi supplementari

L’unica informazione degna di nota è il debutto del quarto cambio, introdotto in questo Mondiale solo per i tempi supplementari. Per quanto riguarda il gioco, non cambia nulla: Russia tutta in difesa e Spagna persa nel tiki taka sterile che non porta mai le Furie Rosse al tiro.
Si va ai calci di rigore.

Rigori

Vista la pochezza del gioco espresso durante i 120 minuti si va alla roulette russa dei calci di rigore.
I russi non sbagliano nulla, mentre gli spagnoli, prima Koke e poi Iago Aspas, si fanno ipnotizzare da Igor Akinfeev. Proprio quell’Akinfeev conosciuto in mezza Europa per le papere commesse con la maglia del CSKA. Un bel riscatto che manda in delirio la Russia e la Spagna a casa.

Tabellino

SPAGNA – RUSSIA 1-1 (4-5 d.c.d.r.)

Spagna (4-1-4-1): De Gea; Nacho (24′ st Carvajal), Piqué, Sergio Ramos, Alba; Busquets; David Silva (21′ st Iniesta), Isco, Koke, Asensio (13′ pts Rodrigo); Diego Costa (34′ st Iago Aspas). All.: Hierro

Russia (3-5-1-1): Akinfeev; Mário Fernandes, Kutepov, Ignashevich, Kurdiashov; Mário Fernandes, Samedov (15′ st Cheryshev), Zobnin, Kuzyaef (6′ pts Erokhin), Zhirkov (1′ st Granat); Golovin; Dzyuba (19′ st Smolov). All.: Cherchesov

Arbitro: Kuipers (HOL)

Marcatori: 11′ aut. Ignashevich (R), 40′ rig. Dzyuba (R)

Ammoniti: Piqué (S), Kutepov, Zobnin (R)

Rigori: Iniesta gol, Smolov gol, Piqué gol, Ignasievich gol, Koke parato, Golovin gol, Sergio Ramos gol, Cherishev gol, Iago Aspas parato

Articoli Correlati

Social: assalto alla democrazia

Social: assalto alla democrazia

L’assedio di Capitol Hill ha scioccato il mondo intero, rimasto basito a guardare l’assalto a quello che viene considerato il tempio della democrazia occidentale. La folla, aizzata dal Presidente Trump, è riuscita, per ben sei ore, a tenere sotto scacco il Congresso,...

Per un populismo ecologista

Per un populismo ecologista

Dall’(eco)comunità al nazional-popolare la contro-egemonia opera su diversi livelli, poiché possono coesistere la costruzione populistica del nazional-popolare con la visione decentrata del populismo. Dobbiamo tuttavia il concetto di contro-egemonia a quello di...

Il ritorno dei partiti nell’era digitale

Il ritorno dei partiti nell’era digitale

La digitalizzazione ha coinvolto ogni aspetto della nostra vita, compresa l’organizzazione dei partiti politici. A questa rivoluzione digitale corrisponde un maggiore grado di democrazia? Risponde Paolo Gerbaudo sociologo ed esperto di comunicazione politica,...