Seleziona una pagina
Esteri | Mondo

La crisi della globalizzazione: una prospettiva dal Sud

10 Giugno 2020

Gonzalo Giore Viani, analista politico argentino e collaboratore della nostra rivista, ha da poco pubblicato Una globalización anti globalista (Buenos Aires, Editorial Capiangos). Vi proponiamo qui un’anticipazione dei temi trattati nel libro.

Una globalización anti globalista  non vuole essere un saggio accademico sul populismo dell’ultradestra, ma piuttosto una cronaca degli anni in cui la sua ascesa è stata tanto inarrestabile quanto preoccupante in molti paesi del mondo. Si potrebbe dire che l’era dell’anti globalismo è stata inaugurata con la vittoria di Donald Trump negli Stati Uniti insieme alla Brexit nel 2016. Da allora, abbiamo assistito a una serie di fenomeni eterogenei ma che hanno in comune l’uso di un approccio critico nei confronti della globalizzazione, delle élite finanziarie e dell’immigrazione.

Per questo motivo, questi discorsi sollecitano con successo i perdenti della globalizzazione. In misura maggiore, i bianchi della classe media inferiore, sia rurali che urbani, che ritengono che i loro redditi si siano ridotti a causa della perdita di posti di lavoro dovuta alla globalizzazione e al trasferimento delle fabbriche. Le classiche categorie di sinistra e destra, sebbene siano ancora importanti, non sono più sufficienti per comprendere il mondo di oggi. La dicotomia tra globalismo e anti-globalismo, l’offerta politica tra coloro che sono a favore di un mondo più aperto, sia economicamente che nei flussi migratori, contro coloro che cercano confini chiusi nel senso ampio della parola, è l’offerta che ha dominato la scena internazionale negli ultimi cinque anni degli anni 2010 e che, dopo la pandemia, continuerà a essere centrale nei conflitti futuri.

Steve Bannon, che ha fondato The Movement nel 2017, per rilanciarlo nel 2019, ha compreso queste dinamiche come pochi altri. Emerso dagli angoli bui dei media alternativi americani, il suo discorso fa appello all’idea di “uomo comune”, inteso come lavoratore bianco, di classe media inferiore, occidentale e di “usanze cristiane”. Bannon capisce molto bene come contestare l’egemonia in senso grammaticale. Lo fa unificando le richieste democratiche (nel senso spiegato da Laclau in La razón populista), cioè rivendicazioni isolate che possono essere conservative, reazionarie o anti-egualitarie. Quando queste domande non sono soddisfatte dalla politica tradizionale, possono essere unite ad altre domande non soddisfatte. In questo modo viene prodotta una relazione di equivalenza in cui rivendicazioni che potrebbero non condividere nulla all’inizio o addirittura opporsi o essere contraddittorie vengono unificate dietro un leader o un “movimento”.

Pertanto, le figure di Trump o Salvini possono operare come significanti vuoti, cioè personaggi che mettono insieme la pluralità di richieste insoddisfatte, contraddittorie o no, di un determinato gruppo. Un suprematista bianco, un contadino dell’Alabama e un lavoratore afroamericano disoccupato di Detroit possono far parte dello stesso collettivo, partecipare a manifestazioni e sostenere ferventemente Trump. Allo stesso modo in cui un potente uomo d’affari del nord, un precario lavoratore del sud e un nostalgico dei tempi di Mussolini possono costituire la base di supporto della Lega. Bannon lo capisce così bene che è in grado di esacerbare questo tipo di gruppo sociale, che in linea di principio si nutre di componenti che ben poco hanno che fare l’una con l’altra, per renderle parte dello stesso collettivo.

L’elezione di Jair Bolsonaro in Brasile e il colpo di stato civile, di polizia e militare in Bolivia, con un discorso di odio razziale, di classe e fortemente revanchista, hanno chiarito che questi fenomeni non sono solo problemi dei paesi centrali, ma stanno anche accadendo, con le loro particolarità, anche in America Latina, nel momento in cui i problemi strutturali legati alla disuguaglianza posti dalla globalizzazione sono lungi dall’essere risolti, con i ricchi che concentrano sempre più risorse, le classi medie più povere e i settori popolari sempre più espulsi dal sistema. Allo stesso tempo, il fenomeno dell’immigrazione dai paesi periferici a quelli centrali non ha soluzioni in vista. Mentre le élite sono lontane dalla realtà dei loro popoli, gli estremismi non fanno altro che continuare ad emergere, raccogliendo successi elettorali, in una sorta di nuova globalizzazione, paradossalmente, antiglobalista.

Durante la crisi sanitaria che sta attraversando il mondo, le carenze del multilateralismo e della politica dei blocchi regionali erano ancora più evidenti. Né il G7 né il G20 hanno risposto o rilasciato dichiarazioni comuni. Nemmeno l’Unione europea ha agito in maniera efficace, chiudendo i suoi confini per trenta giorni, limitando rigorosamente la circolazione interna. Leader già critici nei confronti dell’UE, come Marine Le Pen in Francia o Matteo Salvini in Italia, colgono l’occasione per chiedere di nuovo l’uscita dei loro rispettivi paesi dal blocco, che oggi affronta il momento peggiore dalla sua formazione.

L’odio per le differenze, l’omogeneizzazione della pulsione di morte, i nazionalismi sciovinisti, hanno il potenziale per esacerbare a una catastrofe di proporzioni inimmaginabili. Il mondo assomiglia all’eroe mitologico Ulisse nell’opera di Omero, tra Scilla e Caribidi: una discussione su chi deve il capitale, se debbano essere i mercati o lo Stato. Leader come Trump e Bolsonaro preferiscono gestire l’asse della discussione, creando una dicotomia tra tradizione e modernità e costruendo muri che separano i popoli. I ponti esistono già e sono più dei muri. Oggi, nel bel mezzo della più grave crisi che l’umanità sta attraversando negli ultimi settant’anni, è essenziale iniziare a superarla. Se non lo facciamo le identità politiche possono essere determinate in base al risentimento nei confronti di ciò che è diverso. È dovere di tutti fornire, ognuno da dove si trova, gli elementi necessari per ingaggiare questa lotta.

Articoli Correlati

La nuova strategia della destra spagnola

La nuova strategia della destra spagnola

Tra febbraio e giugno 2020 Vox [il nuovo partito dell'estrema destra spagnola]  ha sperimentato un cambiamento sorprendente della propria strategia politica. A dirla tutta, non ha intrapreso un cammino totalmente nuovo, ma ha di certo privilegiato un orientamento...

La caduta di Saigon e il mondo di oggi

La caduta di Saigon e il mondo di oggi

Ricorre in questi giorni il quarantacinquesimo anniversario della caduta di Saigon, con la ritirata delle ultime truppe USA dal Vietnam e l'avvio del processo di riunificazione della penisola vietnamita ad opera dell'Esercito nazionale di liberazione e del Partito...

L’Ecuador guarda verso l’abisso

L’Ecuador guarda verso l’abisso

L'8 aprile la Corte nazionale di giustizia dell'Ecuador ha condannato l'ex presidente Rafael Correa e l'ex vicepresidente Jorge Glas a 8 anni di carcere, impedendogli contestualmente di ricoprire cariche pubbliche per i prossimi 25 anni. La sentenza del tribunale...