Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/yfxowclv/public_html/wp-content/themes/SensoComune/functions.php on line 8
L'era del pangolino - Senso Comune
Cultura | Teoria

L’era del pangolino

3 Dicembre 2020

Traduzione dell’intervista con Paolo Gerbaudo, pubblicata nell’ottobre 2020 dal quotidiano catalano Naciò Digital in cui si parla del nuovo The Great Recoil: Politics After Populism and Pandemic che sarà pubblicato nel 2021.

Considera il pangolino come metafora del momento presente. Un animale accusato di essere l’origine zoonotica del coronavirus e che si protegge dalle tigri diventando una palla, ma che viene facilmente ucciso dai cacciatori. Perché?

L’immagine del pangolino, l’unico mammifero il cui corpo è coperto di scaglie protettive, esprime l’importanza della protezione e dell’autodifesa per il futuro della società e di mantenere un equilibrio. Abbiamo dimenticato questo in una società ossessionata dalla crescita continua e dai mercati interconnessi, caratterizzati dall’esternalizzazione di tutto, è ciò che ha causato un’enorme fragilità nel sistema. Lo stesso capitalismo se ne sta rendendo conto. Il sistema economico ha dimostrato di non essere efficace nelle sue condizioni attuali, come visto nella sua incapacità di produrre beni essenziali di cui aveva bisogno in un momento specifico. Questo è ciò che abbiamo visto con la speculazione su maschere o ventilatori. E cosa vedremo presto con i vaccini. Ciò ha danneggiato la reputazione del capitalismo globale.

Ha riflettuto sul concetto di protezione a seguito della crisi Covid-19. Perché la protezione è una questione così importante nella politica contemporanea?

Da anni ormai, questo quadro si è costruito intorno alla protezione come chiave dominante del discorso contemporaneo dopo la crisi del 2008. È il momento in cui la paura sostituisce il desiderio come motore fondamentale della politica. Fino a tempi recenti eravamo immersi in una politica dell’aspirazione e del desiderio che mirava a soddisfare il desiderio di milioni di persone, fondamentalmente di una classe media che aspirava ad essere la classe media superiore. Una classe con desideri di miglioramento, di arricchimento. Nel Regno Unito ha espresso il desiderio di possedere un “conservatory”, una serra di vetro che le case dei ricchi inglesi usano come un’estensione della casa. Era il sogno di una classe media che sognava di arricchirsi.

La classe media resta la maggioranza in molti paesi occidentali, ma oggi è motivata dalla paura. Basta pensare alla piccola borghesia, devastata dalla crisi, con i negozi chiusi e il commercio locale ferito dalla crisi, con immagini potenti come quella dei negozi chiusi con le saracinesche abbassate. Tutto ciò crea una sensazione di vuoto. Questo si somma alla precarietà sociale con molti giovani studenti universitari senza prospettive.

La pandemia è stata definita come un fenomeno esogeno, completamente esterno al sistema..

Questo è il discorso dominante, come se la pandemia fosse come un meteorite. Ma questo non è vero, è una crisi  endogena, è il risultato del sistema economico. Ci sono sempre state pandemie, ma non così spesso come oggi. Questa frequenza più alta ha a che fare con lo squilibrio tra habitat umano e animale. Ad esempio, i pangolini di cui parlavo all’inizio, o i pipistrelli, che spesso sono la fonte di molti virus che passano agli esseri umani, non hanno più un loro habitat naturale e si mescolano con l’uomo. In questo modo il “salto di specie” diventa più facile. La pandemia non ha nulla di esogeno. Ed è spaventoso che una società così evoluta come la nostra non sia in grado di affrontare questa crisi in modo razionale e sereno. È una crisi grave, ma tutto sommato più piccola rispetto a quella che verrà.

Cosa succederà?

Prima di tutto il cambiamento climatico. Non dobbiamo essere apocalittici. Il problema non è che ci estingueremo, il problema è che dovremo vivere. Ma anche nei calcoli più ottimistici, ci sarà un innalzamento del livello del mare, un metro, entro il 2100. Ciò significa che, anche nel caso in cui l’aumento della temperatura potrebbe non essere a catastrofico a livello globale, molte regioni del pianeta patiranno. Le Maldive possono scomparire. A Giacarta stanno spostando la capitale in un altro luogo.

“La destra si è accorta del rischio di una cornice universalistica emersa nella lotta al coronavirus e ha cercato di spostare il nemico da un’altra parte: il virus cinese”.

Nel suo libro parla della paura. Esistono diversi tipi di paure? Quanti sono lì?

Ci sono molte paure. La paura della natura è una “paura comune” e può essere una paura che unisce perché colpisce tutti noi. Questo accade anche con la pandemia. Ci sono paure che dividono, che la destra usa molto, come la paura dell’immigrato. O paura del pericolo di attacchi da altri paesi. Ci sono poi paure reciproche, paure che gli esseri uamni provano nei confronti di altri essere umani. È stato interessante vedere come la destra ha reagito alla pandemia. Si è resa conto che c’era il rischio di una cornice universalistica nella lotta a coronavirus e ha cercato di spostare il nemico da un’altra parte, alimentando la conflittualità con la Cina.

Questa strategia di destra può avere successo?

Molte persone sono ormai convinte che la destra populista sia in declino. Sembra che Trump non sarà rieletto … Vedremo. La destra populista si sta già posizionando di fronte alla post-pandemia. C’è il rischio che la seconda ondata abbia conseguenze economiche e sociali molto dure, con una classe media devastata, milioni di disoccupati e banche sull’orlo del baratro. Nella prima ondata, lo Stato ha risposto, optando per un potente stimolo fiscale, con duemila miliardi di dollari negli Stati Uniti e un trilione e mezzo in Europa. La Banca Centrale Europea e il FMI hanno indicato un passaggio dal modello neoliberista a quello neo-statalista. Non per costruire un’alternativa socialista, ma semplicemente per salvare il capitalismo. Nonostante ciò purtroppo il ritorno alla domanda di austerità è già in vista.

La destra radicale è destinata ad avere un futuro?

Si stanno preparando a raccogliere i frutti della crisi. Diranno che tutto il disastro economico prodotto dalla crisi del coronavirus è il frutto della follia organizzata dalla sinistra ossessionata dalla salute e questo ha distrutto l’economia. Questo è quello che dice Trump e molti altri leader nazionalisti.

E cosa dovrebbero fare le forze democratiche di fronte a questo?

Un po ‘di quello che sta facendo una figura come il sindaco di Manchester Andy Burnham. È un politico laburista, non un radicale, piuttosto un ex blairiano. Ma ha guidato la rivolta del nord contro le misure prese da Boris Johnson. Non ha preso posizione contro il lockdown, ma ha chiesto che, in cambio di ulteriori restrizioni, i lavoratori ricevano aiuti finanziari. Non puoi chiedere alle persone più restrizioni senza garantire il minimo per tutti.

Contro i populismi tipo Donald Trump, o nello stile di Viktor Orban in Ungheria, qual è la strategia migliore? Un populismo di sinistra?

Sì. La sinistra ha un problema fondamentale. È eccessivamente dipendente dal voto della classe media urbana. Per sconfiggere l’estrema destra, è fondamentale recuperare sostegno nelle classi popolari. È questo in fine dei conti quello che significa populismo, una strategia per riguadagnare il sostegno delle classi popolari. Abbiamo di fronte un nuovo campo di battaglia: a destra un protezionismo proprietario, a sinistra un protezionismo sociale che mette al centro la politica della cura di cui tanto si è parlato in questi mesi.

“La sinistra deve sviluppare un discorso della protezione sociale”

Come si fa?

Bisogna parlare di questioni sociali ed economiche, di classe e allo stesso tempo di interesse generale. La sinistra deve dimostrare di avere a cuore la protezione sociale, la protezione della società nel suo complesso. Ma per farlo, la sinistra deve dimostrare di comprendere la protezione in un modo molto diverso dall’idea di protezione della destra. Proteggere significa prendersi cura di tutti e preservare i legami fragili ma fondamentali per garantire la vita di tutti.

Ha analizzato movimenti come gli indignati spagnaoli, la primavera araba, il 15-M o Occupy Wall Street. Cosa rimarrà di questi movimenti?

Rimarrà molto. Nei partiti che sostengono i governi in Italia e Spagna ci sono persone che sono state influenzate da questa ondata di protesta. Il discorso della protesta e dell’antielite si è ovviamente evoluto perché quando si entra negli spazi del potere non si può più fare lo stesso discorso contro le caste. Espressioni come 1% contro 99% non possono essere mantenute quando la destra ha un sostegno molto più ampio del famoso 1%. Ci sono persone che si sono arricchite della crisi del 2008. Ma la sinistra ha punti di forza e sostegno tra i settori della classe media e nel nuovo proletariato dei servizi, in cui c’è stato un’intenso sforzo di sindacalizzazione negli ultimi anni. anni. Nelle primarie statunitensi, una delle poche vittorie di Bernie Sanders è stata tra i lavoratori dei casinò e gli hotel di Las Vegas. Questo è il vero proletariato dei nostri giorni. L’obiettivo è fare del protezionismo sociale una chiave per capire la società e agire nel presente.

Articoli Correlati

Social: assalto alla democrazia

Social: assalto alla democrazia

L’assedio di Capitol Hill ha scioccato il mondo intero, rimasto basito a guardare l’assalto a quello che viene considerato il tempio della democrazia occidentale. La folla, aizzata dal Presidente Trump, è riuscita, per ben sei ore, a tenere sotto scacco il Congresso,...

Per un populismo ecologista

Per un populismo ecologista

Dall’(eco)comunità al nazional-popolare la contro-egemonia opera su diversi livelli, poiché possono coesistere la costruzione populistica del nazional-popolare con la visione decentrata del populismo. Dobbiamo tuttavia il concetto di contro-egemonia a quello di...

L’automazione è un falso problema

L’automazione è un falso problema

Negli ultimi anni si è parlato molto di automazione e trasformazione del lavoro. Alcuni autori tra cui accelerazionisti come Nick Srnicek e teorici del post-capitalismo come Paul Mason hanno sostenuto che l'automazione è all'origine della perdita di posti di lavoro...